“CINEMA ADDOSSO”

Museo Nazionale del Cinema

Periodo di svolgimento
14/02/2020 – 14/06/2020

Luogo
Mole Antonelliana, Via Montebello 20,
10124 Torino (TO)

Orari
Lun-Dom 09:00-20:00
Sab 09:00-23:00
Martedì chiuso

Modalità di ingresso
Museo + Mostra:
Intero € 11
Ridotto € 9
Gratuito: fino a 5 anni, disabili e accompagnatore

Museo + Mostra + Ascensore panoramico (biglietto cumulativo):
Intero € 15
Ridotto € 12
Gratuito: fino a 5 anni, disabili e accompagnatore

14 febbraio 2020: in occasione di San Valentino ingresso 2 x 1

Contatti
Sito Internet
Facebook
Twitter
Instagram

Referente
comunicazione@museocinema.it

I costumi di Annamode da Cinecittà a Hollywood

La mostra racconta il talento, la creatività e la sapienza artigianale della Sartoria Annamode che, dagli anni ‘50, continua con passione a realizzare abiti che hanno reso i nostri costumisti famosi a livello internazionale.

È a questo insieme di conoscenza, attenzione, arte e manualità che la mostra vuole rendere omag­gio rivelando da vicino tutto quel mondo, fatto di capacità, amore e passione.

Un mondo che le sorelle Allegri hanno rappresentato e che le nostre sartorie cinematografiche e i nostri talentuosi costumisti condividono con i grandi stilisti, contribuendo al successo del brand del made in Italy.

In un visionario percorso espositivo sono messe in scena le “opere” più rappresentative della sartoria dagli anni della “Dolce vita” ai nostri giorni con costumi realizzati per grandi produzioni internazionali.

Sono parte integrante del racconto le immagini multimediali che consentiranno al pubblico di immergersi nel mondo magico del cinema, in un laboratorio virtuale ricco di tessuti e colori, guar­nizioni e accessori e vivere il mondo affascinante dove l’arte, l’artigianato, il cinema si fondono per trasformare gli attori in personaggi.

Apre e chiude la Mostra un omaggio a Federico Fellini e a Piero Tosi, alla loro straordinaria moder­nità e inventiva. In questa sezione saranno esposti gli abiti di plastica della sfilata dell’episodio di Toby Dammit dal film Tre Passi nel Delirio (1968), la cui realizzazione è stata assolutamente inno­vativa per l’epoca e che non sono quasi mai stati esposti per la loro delicatezza e la estrema rarità.